LE GROTTE DEL MONTE GIOGO

LE GROTTE DI MONTE GIOGO

CAMMINAPARCHI 2021/22 – PARCHI DEL DUCATO

DOMENICA 3 OTTOBRE

Protagonista dell’escursione sarà Monte Giogo, area del Parco in cui affiorano strati fossiliferi pliocenici (4,4 – 3,1 milioni di anni fa). Si parlerà dell’evoluzione dell’Antico Mare Padano e dei fossili rinvenibili lungo il sentiero, delle caratteristiche degli ambienti calanchivi e dei boschi che si attraverseranno durante l’escursione. Curiosità: i fossili provenienti da Monte Giogo sono stati studiati da Leonardo da Vinci durante il suo soggiorno a Milano e vengono menzionati nel suo Codice Leicester.

Dopo aver visitato il Museo Paleontologico “G. Cortesi”, ci si sposta in auto verso l’Azienda Agricola “La Buttina”, nei pressi della località Zilioli: lo spiazzo all’incrocio tra la strada asfaltata e quella sterrata che porta all’Azienda Agricola (309 m s.l.m.), sarà il luogo in cui si lasceranno le auto per iniziare l’escursione.

Poche centinaia di metri più avanti si arriva al bivio da cui inizia la salita verso Monte Giogo (348 m s.l.m.): all’andata si seguirà il sentiero che si snoda all’interno del bosco di latifoglie e dal quale è possibile osservare l’ingresso delle grotte di origine antropica, in cui trovano rifugio alcune specie di chirotteri di particolare rilievo
Al termine della salita, il sentiero sbocca sulle praterie aridofile di Monte Giogo (434 m s.l.m.).
In pochi minuti si giunge quindi all’area attrezzata e alla fontana situate nei pressi del cosiddetto “Crocione” di Monte Giogo, dove ci si fermerà per il pranzo al sacco e da cui si gode di una bella vista sulle vallate circostanti. Per il rientro si percorrerà la strada sterrata che funge da confine del Parco per tornare al punto di partenza

L’itinerario è lungo circa 7,5 km e risulta impegnativo nel tratto intermedio, in cui sale verso la sommità di Monte Giogo e che risulta essere ad elevata pendenza in alcuni punti. La restante parte del percorso è poco impegnativa, con alternanza di salite e discese relativamente tranquille, a tratti in falsopiano.

 

Durata: 4,00 h + 1,00 h circa per la visita in museo.
Orario di partenza: 9.30
Punto di partenza: IAT Castell’Arquato, piazza Municipio 1
Attrezzatura: Scarponi da trekking con suola scolpita, bastoncini da trekking, pantaloni lunghi, giacca anti vento, crema solare, repellente per gli insetti, acqua e occhiali da sole, mascherina, gel igienizzante.
Costi: 14 € adulti, 8 € bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni, gratuito bambini sotto i 4 anni. Il costo del biglietto del Museo Paleontologico “G. Cortesi” è di 3,50 € per gli adulti, 2,50 € ridotto per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni e over 65, gratis bambini sotto i 6 anni, da versarsi in loco.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro le 18.00 di venerdì 1° ottobre
L’escursione si svolgerà al raggiungimento del numero minimo di 8 persone e per un massimo di 20 persone.
In caso di maltempo l’escursione sarà annullata e verrà recuperata sabato 23 ottobre, con le stesse modalità