EVENTI CASTELL’ARQUATO – settembre

9 GIUGNO – 30 SETTEMBRE
LUCIANO MOLINARI PITTORE DELL’IMMAGINARIO
Palazzo del Podestà
La mostra è un percorso affascinante dell’artista arquatese, curata da esperti e professori di storia dell’arte contemporanea dell’Università degli Studi di Genova, allestita con il patrocinio del comune di Castell’Arquato.

Luciano Molinari nel corso della sua vita e della decennale carriera, ha narrato la sua terra e la magia del Borgo medioevale e la bellezza degli ameni colli piacentini con fantasmagorici colori e scene oniriche. L’attuale esposizione intende raccontare il percorso stilistico dell’artista e la sua evoluzione pittorica.

 

 

25 AGOSTO -30 SETTEMBRE
ARMI, MODA, PITTURA: L’ARTIGIANATO MEDIOEVALE
Mostra nel Palazzo del Podestà
Info: Pro Loco Castell’Arquato

1-30 SETTEMBRE
QUASICRISTALLI – INTRECCI SEGRETI FRA NATURA, SCIENZA E ARTE
Una mostra, un video. Progetto a cura di Carlo Francou e Luca Nicotra

Il percorso – costituito da una serie di pannelli e da un video – è rivolto alla scoperta dei “quasicristalli”, elementi “vietati” dalla scienza ufficiale finché non sono stati trovati, prima in laboratorio e successivamente in natura.

Fino agli anni Ottanta del secolo passato non si credeva possibile che nello stato solido potessero esistere casi di materiali con strutture a livello atomico non perfettamente cristalline, cioè non costituite da una disposizione ordinata periodicamente degli atomi o delle molecole. Invece nel 1984 il fisico israeliano Daniel Shechtman, premio Nobel per la chimica nel 2011, è riuscito a realizzare in laboratorio per la prima volta un materiale solido in cui gli atomi si dispongono in un modo che si può definire “quasi-ordinato”. Per queste loro proprietà di organizzazione atomica “quasi-periodica” questi nuovi materiali solidi sono stati chiamati “quasicristalli”.
I ricercatori Peter J. Lu (Harvard University) e Paul Steinhardt (Princeton University) hanno in seguito accertato che questa conformazione quasi-periodica corrisponde al disegno dei mosaici del Palazzo Alhambra in Spagna, della Darb-i Imam Shrine in Iran, e ad altri (XIV sec.). La si può inoltre collegare agli studi che il matematico, fisico e cosmologo inglese Roger Penrose aveva intrapreso già negli anni Settanta sulla tassellatura del piano con mosaici “quasi-periodici”.

Nel 2009 Luca Bindi, docente del Dipartimento di Scienze della Terra all’Università di Firenze e ricercatore associato all’Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR, ha trovato con il suo team, nella collezione mineralogica del Museo universitario, il primo quasicristallo naturale, un campione di roccia proveniente dai monti Koryak in Russia.
E’ un piccolissimo frammento parte di un meteorite che ha impattato la Terra circa 15000 anni fa, probabilmente originato 4,57 miliardi di anni fa durante la formazione del nostro sistema solare.

UNA MOSTRA NELLA MOSTRA: Micromount, frammenti da una collezione
In occasione della rassegna “Quasicristalli” vengono presentati in parallelo con i pannelli espositivi 21 tra i più significativi microminerali (micromount) facenti parte della collezione “Licio Tezza” conservata nel Museo geologico, una raccolta di circa 4.500 reperti di piccole dimensioni ma di grande interesse scientifico. Non bisogna infatti dimenticare che la scoperta dei Quasicristalli è stata resa possibile grazie a un minuscolo frammento conservato presso il Museo dell’Università di Firenze.
Una scoperta decisiva per il progresso scientifico non solo in campo mineralogico, fatta grazie alla conservazione di raccolte di studio che costituiscono una inesauribile fonte di conoscenza per studiosi e ricercatori di oggi e di domani.

 

8 -9 SETTEMBRE
RIVIVI IL MEDIOEVO
Manifestazione di rievocazione storica con accampamento di armigeri, combattimenti in armatura, mercato medievale, musica e animazione
www.riviviilmedioevo.it

 

14 -15- 16 SETTEMBRE
BEST OF ITALY RACE
Competizione per supercars, moto e biciclette sul percorso Castell’Arquato – Morfasso
www.bestofitalyrace.com

 

DOMENICA 16 SETTEMBRE
PUCCINI INCANTO
Domenica 16 settembre, alle ore 18 :30, il Duo Arpa e Voce composto di Raphaëlle Villa e Florie Emond si esibirà in un concerto di Arie da Camera di Puccini, Bellini, Donizetti e Rossini, nella sala del Museo Illica di Castell’Arquato.

L’idea di fare risuonare con la bella musica di Puccini, e non solo, il museo a lui dedicato, è venuta a Raphaëlle Villa (Arpista) e Florie Emond (Soprano)

Il nome del Duo, « Canto d’Anime », è nato proprio dal titolo di un testo scritto per Giacomo Puccini dal famoso librettista arquatese Luigi Illica « Fuggon gli anni… chimere » che medita sulla fugace natura della vita umana e della felicità.
L’arpista italo/francese Raphaëlle Villa, nata da una famiglia originaria della Val d’Arda, alterna soggiorni a Morfasso con una vita quotidiana tra Parigi e Bruxelles. Il soprano belga Florie Emond si è diplomata presso l’IMEP di Namur e ha già cantato presso il Théâtre Royale de la Monnaie di Bruxelles (Belgio).

In programma, aria dalle opere I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini, Otello di Gioacchino Rossini, L’elisir d’amore e Lucia di Lamermoor di Gaetano Donizetti, oltre a arie da camera popolari come Vaga Luna, Ma rendi pur contento, di Bellini e Canto d’Anime, E l’uccellino, di Puccini.

Il concerto è gratuito fino all’esaurimento dei posti, che sono limitati.
Al termine del concerto, brindisi al museo offerto dall’Enoteca Comunale di Castell’Arquato
Info e prenotazioni: IAT Castell’Arquato, 0523 803215,

 

23 SETTEMBRE
VIVI IL VERDE
Passeggiata Verde lungo l’Arda, escursione con guida
(vedi news dedicata)

30 SETTEMBRE
PLIOCENICA
Convegno di ricerca geologica e paleontologica
Museo Geologico G.Cortesi
www.museogeologico.it

Programma della manifestazione

9,45 Apertura lavori nella sala del Palazzo del Podestà (piazza monumentale)

10,00 – 10,25 “1966-2015. 50 anni di malacologia pliocenica italiana”. Luca Lacroce, Torino

10,30 – 10,55 “La distribuzione degli echinodermi nell’arcipelago di Solnhofen nel Giurassico superiore”. Martin Röper, Bürgermeister Müller Museum, Solnhofen, Germania

11,00 – 11,25 “La fauna a molluschi del Miocene di Miste, Olanda”. Jaap van der Voort, Ostercappeln, Germania

11,30 – 11,55 “La digitalizzazione della Collezione malacologica di Girolamo Cocconi”. Paola Monegatti, Università di Parma

12,00 – 12,25 “L’ittiofauna oligocenica della Romania”. Ionut Gradianu – Natural Sciences Museum, Piatra Neamt, Romania

12,30 conferimento dell’ “Albo d’oro” del Museo geologico

A seguire, rinfresco con salumi tipici e vini locali nell’area verde del Museo Geologico

14,30 – 14,55 “Malacologia toscana fossile vista al microscopio”. Antonio Profeti, Castelfiorentino (Firenze)

15,00 – 15,30 “La biodiversità nascosta del Plio-Pleistocene: organismi che hanno tessuto i sedimenti (Castell’Arquato, Piacenziano-Calabriano)”. Andrea Baucon, Università di Genova,
con Gaia Crippa e Fabrizio Felletti (Università di Milano), Gianluca Raineri (Parco regionale dello Stirone e del Piacenziano), Daniele Scarponi (Università di Bologna).

A seguire: presentazione dell’installazione multimediale “Il delfino di Montezago” a cura di Andrea Baucon

 

Sabato 29 settembre

Ore 18,00
Palazzo Gandolfi, Lugnagnano
sede del Municipio
PLIOCENICArte
“Nel soffio della terra”
opere di Paolo Capitelli
(una serie di opere domenica 30 settembre verrà esposta anche
nel Palazzo del Podestà a Castell’Arquato)

DOMENICA 30 SETTEMBRE

FIUMI DI VOCI, chiesa Collegiata di S.Maria Assunta, ore 17.00

parteciperanno i cori

CORO VALLONGINA di Fiorenzuola d’Arda
CORO GERBERTO di BOBBIO
CANTORI di CASALIGGIO